Read centralizzata.pdf text version

L'Impianto di Ricezione TV

1 - L'Antenna Ricevente.

L'Antenna è un elemento in grado di sottrarre energia ( Onde elettromagnetiche ) dall'etere ( Mezzo di propagazione ). L'energia estratta è misurabile in uV,mV quanto basta per essere elaborata nei TV. L'antenna e composta da un dipolo ( elemento attivo) e da diversi elementi aggiuntivi ( elementi passivi ).Gli elementi passivi si dividono in Riflettori e Direttori , questi elementi danno all'antenna la direzionabilità verso una emittente televisiva , più elementi direttori sono associati all'antenna più il guadagno di ricezione aumenta. Gli elementi dell'antenna devono essere disposti in verticale o in orizzontale nella stessa maniera in cui sono disposti gli elementi dell'antenna trasmittente: trasmissione in orizzontale ( Polarizzazione orizzontale ), trasmissione in verticale (Polarizzazione Verticale).

2 - Scelta Dell'Antenna.

L'antenna deve essere scelta in base soprattutto alla DISTANZA tra voi e l'emittente TV. Più si e distanti dall'Emittente più l'antenna deve avere elementi, quindi più guadagno in ricezione. In commercio trovate antenne con 22 elementi, 40 elementi e 90elementi. In alcuni casi anche in zone di forte segnale può essere opportuno utilizzare antenne ad alto guadagno,ad esempio quando sono presenti segnali riflessi ( Onde provenienti da segnali riflessi della stessa emittente o di altre vicine ) .

3 - Riflessione.

Un'antenna oltre a captare i segnali voluti , ne riceve altri che, se di frequenza vicina o addirittura coincidente con quella del segnale principale, disturbano la ricezione. Fra questi segnali non voluti spiccano i riflessi onde elettromagnetiche che hanno incontrato nel cammino un' ostacolo ( Palazzi in Cem.Armato , tralicci , montagne, strade soprelevate etc.). Il disturbo si manifesta sotto forma di immagini doppie o multiple o alterazioni più o meno evidenti dell'immagine principale con rigature , reticoli o barre in movimento ,perdita di sincronismi. In alcuni casi basterà orientare di pochi gradi l'antenna per risolvere il problema , in altri si può provare : con un dispositivo attenuatore di segnale per ricevere il più forte tra quelli ricevuti , utilizzare un'antenna con più elementi con maggiore guadagno e direzionabilità o nei casi più disperati con due antenne uguali disposte in orizzontale collegate ad un accoppiatore.Due antenne identiche disposte in parallelo aumentano notevolmente la direzionabilità più di un'antenna da 90 elementi, migliora notevolmente il rapporto avanti/dietro e il guadagno in ricezione.

4 - Sostegni e Montaggio.

Le antenne vengono fissate su di un palo tubolare disposto in verticale.La distanza fra un'antenna ed una altra sulla verticale del palo può variare da 0,5mt ad 1mt normalmente viene presa la distanza di un ipotetica antenna frapposta fra le due del montaggio. Il fissaggio del palo avviene in minimo tre punti due alla base con staffe a ringhiera / palo (COD:A050800) o con staffe a muro , il terzo fissaggio si effettua subito sotto l'ultima antenna con una staffa di fissaggio a triangolo ( ralla COD:A070100 ). Il fissaggio della ralla avviene bloccando tre cavi in acciaio rivestito che partono da essa per bloccarsi su tre punti alla base dell'antenna vedi figura sopra. Nel montaggio predisporre le antenne VHF e UHF con l'esatta polarizzazione ( Orizzontale o Verticale ) vigente sul luogo in cui viene fatta l'installazione.

5 - Impianto Privato d'antenna.

Esempi tipici di impianti d'antenna privato: Impianto semplice : 1 - Antenna VHF Primo canale ( 1,2,3 banda ) 2 - Antenna UHF Larga Banda ( 4,5 Banda Canali 21-69 ) 3 - Miscelatore VHF/UHF/OUT 4 - Palo telescopico 2x2mt 5 - 2xstaffe fissaggio Ringhiera 6 - 1 ralla + 3xCavi + 6xBlocca cavi 7 - xx metri cavo schermato TV 75 ohm Impianto Amplificato semplice : 1 - Antenna VHF Primo canale ( 1,2,3 banda ) 2 - Antenna UHF Larga Banda ( 4,5 Banda Canali 21-69 ) 3 - Amplificatore da Palo VHF/UHF/OUT 4 - Palo telescopico 2x2mt 5 - 2xstaffe fissaggio Ringhiera 6 - 1 ralla + 3xCavi + 6xBlocca cavi 7 - xx metri cavo schermato TV 75 ohm Impianto ottimizzato : 1 - Antenna VHF Primo canale ( 1,2,3 banda ) 2 - Antenna UHF 4 Banda (Canali dal 21 al 37 ) 3 - Antenna UHF 5 Banda (Canali dal 38 al 69 ) 4 - Miscelatore VHF/ 4B UHF/ 5B UHF / OUT 5 - Palo telescopico 2x2mt 6 - 2xstaffe fissaggio Ringhiera 7 - 1 ralla + 3xCavi + 6xBlocca cavi 8 - xx metri cavo schermato TV 75 ohm Impianto Amplificato ottimizzato : 1 - Antenna VHF Primo canale ( 1,2,3 banda ) 2 - Antenna UHF 4 Banda (Canali dal 21 al 37 ) 3 - Antenna UHF 5 Banda (Canali dal 38 al 69 ) 4 - Amplificatore da Palo VHF/ 4B UHF/ 5B UHF / OUT 5 - Palo telescopico 2x2mt 6 - 2xstaffe fissaggio Ringhiera 7 - 1 ralla + 3xCavi + 6xBlocca cavi 8 - xx metri cavo schermato TV 75 ohm

L' antenna del primo canale VHF deve essere scelta in base alla Banda (1,2,3 Banda) di ricezione del posto in cui si installa l'impianto d'antenna ( Chiedere informazioni al rivenditore o alla RAI TV ). L' antenna Larga banda UHF riceve tutti i canali nazionale e privati canali compresi dal 21 al 69. Le antenne di 4 e 5 banda si scelgono per ottimizzare la ricezione UHF su due bande più strette vedi tabella VHF / UHF sotto riportata. Il miscelatore serve ad unire in una sola discesa di cavo le varie antenne installate.Si trovano in commercio miscelatori con più entrate es: <<VHF-UHF-UHF-OUT>> e miscelatori con più uscite Divise es: <<VHF-UHF-OUT-OUT>>. L'amplificatore oltre a miscelare le varie antenne installate , amplifica il segnale ricevuto dalle antenne. Si installa sopratutto nei casi in cui la ricezione e debole o per sopperire alle perdite che il segnale incontra lungo la discesa di cavo . Si consideri che il cavo d'antenna attenua il segnale in misura di 2,5 db ogni 10mt di cavo ( 0,25db al metro ) .

6 - Impianto Centralizzato d'antenna.

L'impianto centralizzato d'antenna corrisponde in massima parte all'Impianto Amplificato ottimizzato visto in precedenza, uniche differenze sono un amplificatore con attenuazioni regolabili chiamato Centralino ed una rete di distribuzione di segnale molto più grande e accurata, in pratica viene realizzato un 'impianto centralizzato in grandi abitazioni o interi palazzi, in tutti quei casi in cui bisogna asservire svariate prese TV. I centralini in commercio si dividono in Modulari e Larga Banda autoalimentati, I primi sono da preferire nel caso vogliate amplificare pochi canali, in quanto ogni canale è amplificato singolarmente da un modulo canalizzato, i secondi molto più moderni e diffusi hanno gli ingressi divisi per bande di ricezione in standard B ITALIA :

VHF I e II ( 1a e 2a BANDA ) III ( 3a BANDA ) 52 - 88 MHz ( CANALI: A, B, C ) 174 - 230 Mhz ( CANALI: D, E, F, G, H, H1, H2 ) IV ( 4a BANDA) V (5a BANDA)

UHF 470 - 478 MHz ( CANALI: 21 37 ) 606 - 862 MHz ( CANALI: 38 69 )

I Centralini Larga Banda autoalimentati presentano il vantaggio di essere compatti ( Cost.Elettronica in SMD ) e di facile installazione hanno minimo 3 ingressi ( 1-2-3 / 4 / 5 Banda ) sono regolabili in attenuazione e hanno l'alimentatore rete 220V incorporato, vengono usati per asservire un minimo di 12 a 160 Prese TV . Esempi tipici di impianti d'antenna Centralizzati :

IMPIANTO TIPICO 12 PRESE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 Antenna VHF Primo canale ( 1,2 banda ) Antenna VHF Primo canale ( 3 banda ) Antenna UHF 4 Banda (Canali dal 21 al 37 ) Antenna UHF 5 Banda (Canali dal 38 al 69 ) Centralino FRACARRO COD:MK7/1345 Palo telescopico 2x2mt 2xstaffe fissaggio Ringhiera 1 ralla + 3xCavi + 6xBlocca cavi xx metri cavo schermato TV 75 ohm

IMPIANTO TIPICO 40 e + PRESE

1 - Antenna VHF Primo canale ( 1,2 banda ) 2 - Antenna VHF Primo canale ( 3 banda ) 3 - Antenna UHF 4 Banda (Canali dal 21 al 37 ) 4 - Antenna UHF 5 Banda (Canali dal 38 al 69 ) 5 - Antenna UHF LARGA BANDA o Singolo Canale 6 - Centralino FRACARRO COD:XB23R1345U 7 - Palo telescopico 2x2mt 8 - 2xstaffe fissaggio Ringhiera 9 - 1 ralla + 3xCavi + 6xBlocca cavi 10 - xx metri cavo schermato TV 75 ohm

7 - Reti di distribuzione ( Divisori - Derivatori - Prese TV ).

La parte più importante da curare in un' impianto d'antenna è proprio la rete di distribuzione del segnale TV, essa comprende oltre ai cavi coassiali di collegamento e alla discesa di cavo TV proveniente dalla antenna sul tetto di una palazzina, da divisori , derivatori e prese TV .Tutti questi elementi devono asservire equamente il segnale TV in diversi ambienti dell' abitazione.I segnali provenienti in uscita dall' Centralino o Amplificatore tramite il cavo coassiale TV vengono a passare nei DIVISORI poi successivamente nei DERIVATORI e infine alla presa TV Utente.Questi elementi devono essere scelti con cura , attenuano in alcuni tipi anche fortemente il segnale, bisogna quindi far in modo di garantire anche alla presa più sfavorita un livello di segnale non inferiore a 54 dBuVolt (pari a 500 microVolt ) e non superiore a 80 dbuV ( si legge: 80 D B micro Volt pari a 10milliVolt ). Il cavo coassiale 75 ohm TV deve essere di ottima qualità in modo da consentire una bassa perdita di segnale, è preferibile sceglierlo di buona MARCA a discapito purtroppo del prezzo, si consideri che un buon cavo attenua circa 0,25 db al metro, uno cattivo puo arrivare a 0,38 db al metro. I divisori / derivatori sono elementi passivi, questi oltre ad eseguire il loro necessario compito di distribuzione del segnale TV devono far in modo che le apparecchiature TV collegate non influenzino inversamente la rete di distribuzione ( SEPARAZIONE o ATTENUAZIONE INVERSA ) , in altre parole, devono evitare che frequenze spurie generate da ogni App. TV disturbino altri App. TV . I Divisori servono per dividere da due a quattro montanti di linea hanno basse perdite di segnale ma una cattiva separazione .I Derivatori prelevano il segnale dalla montante di linea per distribuirlo nelle abitazioni, attenuano il segnale ma hanno un'ottima separazione linea/derivazione, possono servire direttamente le prese TV terminali o delle prese TV passanti ,devono essere chiusi in uscita con una resistenza da 75 ohm nel caso la linea montante non prosegua.Le Prese TV ultima elemento della rete di distribuzione si dividono in Terminali e Passanti ,mentre le prime devono essere di buna fattura essendo solo un semplice mezzo di contatto per il collegamento ad un TV , le passanti devono rispettare anche le stesse caratteristiche di un derivatore << poca attenuazione ottima separazione dalla Linea >> . Prima di Accingersi al montaggio progettare su carta disegnando uno schema dell'appartamento o palazzo per vagliare il giusto posizionamento dei vari Derivatori. E' importante utilizzare lo stretto necessario di Derivatori , i Divisori sono usati principalmente in impianti Centralizzati con più Discese/Montanti di linea ,le Prese TV passanti sono quelle da preferire al posto di inutili Derivatori a più uscite su prese Terminali. Fare molta attenzione nel montaggio di tutta la rete di distribuzione è molto importante essere sicuri di aver fatto un buon lavoro su di una Derivazione prima di proseguire nel cablaggio della successiva.Il cavo coassiale TV non correttamente collegato produce:resistenze di contatto,falsi contatti, corto circuiti che possono pregiudicare il funzionamento di tutta la rete di distribuzione.

8 - Esempi di calcolo per due impianti tipici.

Impianto Semplice Ipotizziamo che sul dipolo dell'antenna BLU220 UHF scelta, vi sia presente un buon segnale necessario per la visione di un apparecchio TV pari a 66 dbuV ,conoscendo il guadagno della BLU220 dichiarato dalla casa costrutrice di 12 db avremo in uscita dell'antenna un segnale pari a 66+12=78 dbuV utilizzando una discesa di 30mt Cavo con conseguente attenuazione di 30x0,25db = 7,5db, il segna si ridurrà a 78-7,5= 70,5 dbuV, nell'abitazione abbiamo previsto 2 Derivatori CAD12 con due derivazioni e una passante per un totale di 4 prese TV, il CAD12 prevede una attenuazione di 0,8db max per ogni uscita derivata, quindi sul primo televisore con cavo di collegamento dal derivatore CAD12 di 5mt avremo un ulteriore attenuazione di 5x0,25db= 1,25db più l'attenuazione di passaggio del CAD12 avremo sul televisore presa A : 70,5-1,25-0,8 = 68,45dbmV ,stessa cosa avviene sulla seconda derivazione presa B. In uscita alla presa passante del primo CAD12 collegheremo il secondo CAD12 il quale a sua volta in uscita sulla sua presa passante deve avere una resistenza di chiusura di 75 ohm ( CR75 ).Il cavo usato per unire i due CAD12 è di altri 5mt avremo quindi che il segnale da distribuire sulle prese C e D non sarà più di 70,5db ma di 70,5-1,25db = 69,25db , quindi considerando come nel caso del primo CAD12 di usare sempre 5mt di cavo di collegamento alle prese TV C e D avremo di conseguenza un segnale di 69,25-1,25-0,8 = 67.2 dbmV . Con questo piccolo esempio abbiamo visto che basta il guadagno dell'antenna per sopperire alla discesa di cavo e alle attenuazioni dei Derivatori . Impianto Amplificato / Centralizzato In un impianto semplice abbiamo ipotizzato che il segnale captato dal dipolo d'antenna sia soddisfacente , nei casi in cui non lo fosse bisogna introdurre nell'impianto dei componenti attivi quali gli amplificatori o Centralini. La scelta di applicare un centralino e dovuto molte volte per aumentare il segnale a monte di una rete di distribuzione complessa ,nei casi quindi in cui verranno utilizzati svariati Divisori e Derivatori. Per il calcolo di un Impianto centralizzato bisogna semplicemente considerare il guadagno dell'amplificatore e non dell'antenna per poi sviluppare i calcoli di attenuazione. Nel sviluppare su carta un ipotetico schema di calcolo delle attenuazioni e consigliabile partire dall'ultima

presa di una linea di distribuzione, in modo da considerare subito l'atteunazione creata della discesa di cavo per poi scegliere i Derivatori necessari, si consideri che i Derivatori più vicini al Centralino devono avere un attenuazione superiore a quelli usati in fondo alla montante di linea per evitare segnali di Intermodulazione nei TV per eccesso di segnale.

9 - Accessori Vari.

Di seguito vengono elencati alcuni articoli di uso comune:

CODICE AVV ATE PP12 CAD12 FS/.. FE5U GC1 CN7 AT2/E APU TM4 e TM5 PV2

DESCRIZIONE Attenuatore variabile da interno Attenuatore variabile da esterno Divisore 1xIN 2xOUT Derivatore 1xIN 1xOUT-Passante 2xOUT Filtro Attenuatore di canale ( canale a richiesta ) necessario per eliminare canali indesiderati perchè disturbatori di altri. Attenuatore tarabile su tutta la banda UHF 5 sezioni. Giunta cavo volante Contenitore da Palo vuoto per utilizzi vari Preamplificatore da palo in banda VHF ( agg. alimentatore AL50S) Preamplificatore da palo in banda UHF ( agg. alimentatore AL50S) Accoppiatori di due Antenne rispett. 4 e 5 Banda Palo di raccordo per il montaggio in orizzontale di due antenne

10 - Rimedi per Possibili Cause di cattiva visione TV.

Un solo App. TV non sintonizza Nessun canale : Possibile guasto del gruppo di sintonia Del TV . Non si vede il primo canale RAI : Controllare il cavo coassiale nei collegamenti ai partitori / spinotti TV , possibile corto sul cavo garza-filo centrale. Non si vede il primo canale RAI nell'Ultima presa in cascata : Amplificare ulteriormente la banda VHF o con preamplificatori VHF da palo o con amplificatori di Linea.Esistono Derivatori previsti per agevolare il segnale sulla banda VHF (CAD101,CAD102,CAD104).

Information

6 pages

Report File (DMCA)

Our content is added by our users. We aim to remove reported files within 1 working day. Please use this link to notify us:

Report this file as copyright or inappropriate

916974